VICINANZA AI LAVORATORI DEL PUBBLICO SPETTACOLO, OGGI A ROMA OCCUPATO IL “GLOBE THEATRE”

Io li capisco i lavoratori del pubblico spettacolo. Sono mesi difficili per tutti, per qualcuno lo sono ancora di più, per sostegni non arrivati o che tardano ad arrivare, per le poche certezze che ancora abbiamo, nonostante la campagna vaccinale stia prendendo piede. Per quanto abbiamo, noi come spettatori e loro come lavoratori, usufruito della possibilità dello streaming, delle repliche, non c’è nulla che possa eguagliare la bellezza di ascoltare un concerto dal vivo, o di entrare in una sala cinematografica o poter l’applaudire tutti insieme dentro un teatro. Questo manca a tutti.

Dopo Napoli e Milano, oggi a Roma alcuni lavoratori dello spettacolo hanno occupato il “Globe Theatre”. Chiedono (da tempo, la pandemia ha solo accentuato le difficoltà) una riforma strutturale, non solo sostegni e continuità di reddito, ma garanzie economiche e occupazionali per il loro settore, da attuare con forza nel momento in cui sarà davvero possibile riaprire i luoghi della cultura. Riaprire in sicurezza deve essere l’obiettivo principale: farlo, concedendo a questo mondo tutele e misure adeguate significa stabilizzarlo per il futuro.

Altri articoli

LA CASA SIAMO TUTTE!

La Casa Internazionale Delle Donne ha ottenuto il comodato d’uso gratuito per l’immobile di via della Lungara, per cui finalmente si riconosce il suo valore

Leggi tutto »