Dalla parte dei bambini e delle bambine sempre!

Ha ragione il Sindaco Roberto Gualtieri a ribattere con fermezza alla ministra Roccella: è veramente incredibile la faccia tosta di chi al governo chiude le porte alla richiesta di così tanti Sindaci che stanno chiedendo da giorni un incontro al governo per garantire diritti a tutti i bambini che non possono essere discriminati per l’orientamento sessuale dei genitori.

In uno stato di diritto conta il rispetto delle regole e delle persone. La giurisprudenza italiana ed europea è molto chiara ed è quindi da sostenere con forza l’impegno del Sindaco Gualtieri e dei Sindaci progressisti che stanno procedendo con le trascrizioni anagrafiche dei certificati di nascita costituiti all’estero con due mamme, non riconducibili a una gestazione per altri. La lotta di civiltà dei Sindaci impone un obbligo nei confronti dei bambini, a fronte di un vuoto normativo pericoloso e inaccettabile, rappresentato anche in sede europea dal Sindaco Sala di Milano.

Importante è il lavoro che sta svolgendo in queste ore il Sindaco Gualtieri, a partire dalla partecipazione alla manifestazione che si è tenuta domenica a Roma: agire collettivamente nell’interesse esclusivo dei minori. Tutelare i diritti di bambini venuti al mondo ed esposti alle inadeguatezze di un governo impreparato e sistematicamente discriminatorio verso le persone più deboli oggi diventa programma a lungo termine e obbligo morale di un’opposizione responsabile, consapevole e realmente in linea con i diritti e i valori della Costituzione.

Nessun passo indietro su questo campo.

Altri articoli

Roma Pride!

Ieri il Presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca, ha deciso di revocare il patrocinio che aveva dato al “Roma Pride”, che si terrà sabato prossimo.

Leggi tutto »